Istallazioni artistiche al museo:
due spaventapasseri,
la Trappola del vento di Marialuisa Sponga il totem,
due creazioni della natura : l'abbraccio dei cigni,
Il porcospino... 
In attesa di continuare il percorso.. 

Tolasi Davide

Paola   e Demis 

Paola Galbiati e Demis Valsecchi, una coppia nella vita e nel percorso creativo. A rendere la loro unione unica sono le differenze caratteriali, formative e professionali che trovano sfogo in un interesse comune : l’arte con le sue sfaccettature e sperimentazioni sia pittoriche che scultoree.Lei, appassionata docente in discipline plastiche, vanta un percorso di studi partito dal liceo artistico e terminato all'Accademia di Belle Arti di Brera (Milano) dove si è specializzata in scultura che oggi la trova impegnata nel tramandare i suoi saperi alle nuove generazioni.
Lui, estroso artigiano decoratore, autodidatta cresciuto tra le fortunate influenze della famiglia che ha lavorato nell’ambito della decorazione del vetro soffiato e che si esprime attraverso StarDEcor con raffinate, attente e curate soluzioni nell’ambito della decorazione di interni .
L’amore per l’arte li coinvolge anche in momenti come questo nei quali insieme partecipano a progetti di abbellimento e rivalutazione di ambienti pubblici attraverso la collaborazione con comuni ed associazioni territoriali.

La Breva entra dalle finestre... 

Nuovo murales realizzato dai ragazzi iscritti ai laboratori artistici di Noemi Valsecchi 

Laboratorio artistico 

Noemi Valsecchi 

Laboratori artistici Pierangela Brugola 

Anno 2021

Alcuni lavori 

Laboratori artistici 

 
Corso acquarello per adulti
Corso base di acquerello:
Sarà un corso per principianti della durata di 4 incontri da due ore ciascuno.

▪️Partiremo dalle basi, dai materiali di utilizzo, le 4 tecniche fondamentali, per poi iniziare un piccolo dipinto passo passo, scoprendo i vari trucchi e i metodi di utilizzo.

Le iscrizioni sono aperte fino al 7 febbraio

Corsi artistici presso il museo contadino 

Laboratori artistici


Quadro realizzato da Elvira durante un laboratorio artistico tenuto dall'artista Esmeralda Gianni e donato al museo

Ultimi lavori arrivati alla mostra internazionale Tempus Fugit 

Mostra Tempus Fugit 

Marialuisa Sponga 



Il viaggio crea aspettativa, porta conoscenza e lascia ricordi.....
Il museo contadino espone alcune opere in omaggio alla creatività di Marialuisa Sponga 1942/2015:
Sculture mobili " Trappola per la breva" e " Mobiles di luce" Anno 2010
posizionate nel cortile adiacente al museo. Espone nella sala vicino alla cucina alcune opere tessili donate al museo, dal marito Giancarlo. 
Chi è Marialuisa Sponga?
è una protagonista della Fiber Art italiana e internazionale, fa dialogare le materie naturali con quelle industriali da riciclare, creando opere flessibili polimateriche di grandi dimensioni e di grande impatto visivo.
Il suo interesse per l’arte tessile nasce intorno agli anni settanta ma è nel 1982 che, nello spirito della Fiber Art inizia una attiva ricerca di sperimentazione e manipolazione dei materiali flessibili ed approda alla realizzazione di arazzi contemporanei, sculture, libri d’artista, con la tecnica dell’assemblage e l’uso non tradizionale della macchina da cucire.
Polietilene, cellophane, metalli, reti, filati e tutto ciò che è flessibile, sono i materiali con i quali si esprime realizzando opere polimateriche e tridimensionali.
Un’altra serie è quella costituita dalle piccole sculture dove scompare il tema narrativo e si afferma la propensione a un approccio neo-costruttivista. Tra oriente e occidente, il lavoro su piani e solidi geometrici assume il motivo di partenza in una costruzione logica serrata. La semplicità e la fragilità del materiale prescelto, spesso costituito da frammenti di natura o da semplici carte, assume, anche nelle piccole dimensioni, una “monumentalità” classica perché basata su una struttura sempre esibita nella sua nuda bellezza e in cui l’”ornamento” si intreccia in un rigoroso controllo formale
Gabriella Anedi de Simone
Le opere di Marialuisa sono presenti in Collezioni Pubbliche e Private, tra cui il Museo Guttuso di Bagheria (Palermo), Centro studi e Archivio della Comunicazione di Parma, la Fondazione Toms-Pauli di Losanna (Svizzera) oltre alle Civiche Collezioni di Chieri (Torino), Lecco e Samugheo (Cagliari). Ha esposto in molte città Italiane ed in Francia, Spagna, Svizzera, Germania, Belgio, Olanda, Austria, Inghilterra, Svezia, Lituania, Giappone, Corea, Cina, Messico, USA, Canada, Australia.7

Corso Macramè 

Tutte le definizioni apparse sino ad oggi della parola “macramè” concordano unanimamente sulla sua origine araba.

Lavorazione ripresa dai marinai, imbarcati sui velieri, durante le lunghe traversate che potevano durare anche mesi, trascorrevano le forzate ore di ozio mettendo in pratica questa tecnica e creando tessuti, amache, copribottiglie, cinture, borse con fili di corda annodati; usavano poi questi manufatti come “moneta sonante” per pagarsi vitto e alloggio nel paese in cui sbarcavano: era dunque merce di scambio.

Giunta in Italia, questa tecnica passò dalle mani degli uomini a quelle delle donne che la raffinarono usando fili sempre più sottili, fino a far diventare i lavori delle trine preziose.


2 giugno 2024
giornata di semina favore delle api, presso il cortile del museo contadino Colico 





Affinché le api possano banchettare con nettare e polline praticamente tutto l'anno, abbiamo seminato in giardino piante con tempi di fioritura diversi. Ciò garantisce che ci sia sempre qualcosa che fiorisce quasi tutto l'anno. 
Alla fine della semina la giusta ricompensa con giochi e merenda